Seguici sui social più usati    facebook like facebook google plus google communities youtube twitter linkedin       
Lenti a contatto nell'attività sportiva PDF Email Visite: 1978

Orottica-Ischiboni1Le problematiche derivanti dall'uso quotidiano e prolungato sono simili in qualsiasi portatore.

Alcuni disturbi visivi, tipici dell'attività fisica, creano maggiori problemi nei soggetti che portano Lenti a Contatto ma spesso, il loro uso, viene comunque preferito perchè consentono di ottenere vantaggi dal punto di visivo. Abbiamo chiesto maggiori indicazioni alla signora Eleonora Ischiboni, titolare dell’Orottica Ischiboni di Fiano Romano (Roma).

Mediante le tecniche elettroretinografiche abbiamo riscontrato che la capacità visiva diminuisce in relazione alla durata dello sforzo.

L'uso delle Lenti a Contatto risulta appropriato in quanto mitiga l'effetto ipovisivo soprattutto della visione periferica e migliora l'acuità visiva cinetica che è estremamente importante nel gesto sportivo.

Orottica-Ischiboni2Lo sforzo breve e intenso, in regime di anaerobiosi, potrebbe condizionare la stabilità delle Lenti a Contatto, determinando ipolacrimia, ridotta frequenza dell'ammiccamento e producendo vari disturbi del visus in maniera maggiore che con gli occhiali. Comunque numerosi atleti che svolgono attività fisica con queste caratteristiche, preferiscono usare questo tipo di Lenti  piuttosto che occhiali.

Disturbi visivi tipici, studiati nelle condizioni di forte accelerazione e forte decelerazione, non subiscono variazioni con l'uso di Lenti a Contatto. Ricordiamo però che, durante uno sforzo fisico, possono verificarsi l'acidosi del film lacrimale con conseguente instabilità dello stesso, una ridotta frequenza dell'ammiccamento, il contatto della superficie oculare con il  sudore, l'iperevaporazione lacrimale legata alla velocità, l'esposizione chimico-fisica della superficie oculare agli agenti atmosferici.

Chi ha una forte miopia, ad esempio, non dovrebbe essere considerato idoneo allo sport da combattimento ad alto rischio traumatico. In tal caso il CONI ha fissato, come requisiti previsti per il pugilato, un visus minimo naturale complessivo di 10/10 con 4 decimi nell'occhio peggiore. Quindi già tutti i soggetti che hanno una miopia media, sono di fatto inidonei a questo tipo di sport.

Orottica-Ischiboni4Consigliamo attività sportive in ambienti sani per ridurre idi rischio nel portatore di Lenti a Contatto, In  particolar modo attenti a bagni in acque “inquinate”. I soggetti che hanno contratto infezione da acantoameba sembra siano spesso frequentatori di piscine. L'uso delle Lenti a Contatto nell'attività sportiva è quindi da considerarsi appropriata  purché la scelta del tipo di LAC tenga in considerazione il tipo di sport praticato.

Le complicanze sono, nello sport, sostanzialmente simili a quelle di un qualsiasi portatore di Lenti a Contatto. Fanno eccezione alcune attività sportive svolte in ambienti che comportano particolari condizioni di rischio.

Gli atleti di tali sport dovrebbero essere controllati frequentemente da un oculista applicatore.

Orottica-Ischiboni3

Orottica Ischiboni
Fiano Romano (Rm)
Via A. Gramsci, 36 - Tel. 0765 480685
Rignano Flaminio (Rm)
Via G. Carducci, 30 - Tel. 0761 507621
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.