Seguici sui social più usati    facebook like facebook google plus google communities youtube twitter linkedin       
Disturbi intimi femminili e qualità della vita PDF Email Visite: 267

Disturbi intimi femminiliIntervista alla Dott.ssa Maria Antonietta Dal Gallo
a cura della redazione

Nella nostra società dove lo stile di vita é sempre più frenetico, le donne sono soggette a dei disturbi fisici intimi legati al minor tempo a disposizione per la cura di sé, un lavoro che occupa tutta la giornata, lo stare sedute molte ore, un’alimentazione poco equilibrata assocciata a una riduzione dell’acqua bevuta, sono condizioni che predispongono alla comparsa di queste sgradevoli situazioni.

Non vanno dimenticati l’assunzione di farmaci estro-progestinici ( pillola ) e la condizione menopausale, che con l’aumento della vita media, rappresenta una lunga fase in cui le donne, sempre più giovani e curate esteticamente, si trovano ad affrontare una serie di disturbi che le limitano nella lora vita sociale.
Chiediamo alla dott.ssa Maria Antonietta Dal Gallo, specialista in ginecologia ed ostetricia, cosa ci puo’ spiegare al riguardo e come affronta queste problematiche.

Disturbi intimi femminili 540

Parliamo allora di questa “secchezza vaginale” in menopausa, come si manifesta, quali sono i possibili trattamenti?
Come dicevo la secchezza vaginale é un sintomo secondario alla scomparsa degli estrogeni in menopausa, si caratterizza per la riduzione dello spessore della mucosa vulvo vaginale e dalla diminuzione della vascolarizzazione con perdita dell’elasticità.
Diventa difficile avere una vita sessuale, in quanto l’irrigidimento della vagina non consente alla stessa l’accoglienza necessaria, inoltre la riduzione della libido che si accompagna alla minore vascolarizzazione della clitoride, insieme alla sensazione di fastidio/dolore, rende il rapporto con il patner un’esperienza sgradevole.
Come corollario di sintomi possiamo includere le cistiti ricorrenti, sempre per la riduzione vascolare, nonché il senso di peso e fastidio nella zona vulvare, costante nella giornata.

Disturbi intimi femminili 2 540

Quali sono le possibili cure?
Possiamo trattare questo notevole disturbo, meglio se nelle prime sue manifestazioni, mediante prodotti chimici o mediante l’utilizzo della luce laser .
Per la prima linea disponiamo in commercio di creme ormonali o a base di acido jaluronico e di un prodotto per via orale che stimola i recettori per gli estrogeni della vulva/vagina, entrambi i sistemi necessitano di costanza e continuità ed ovviamente i risultati sono direttamente corrispondenti al periodo del trattamento.
Il trattamento con il laser co2 consente di agire sull’assottigliamento mucoso mediante una stimolazione diretta del collagene dermico e un ripristino della vascolarizzazione, tutto questo provoca un richiamo di liquidi localmente e un conseguente miglioramento della mucosa stessa, effetto che si raggiunge in 3 sedute a cadenza mensile e un richiamo a 6 mesi/ 1 anno a seconda della risposta individuale, non é necessaria una terapia aggiuntiva nei mesi in cui non si effettua il trattamento.
La seduta non é dolorosa, dura circa 20 minuti e si puo’ svolgere la propria attività quotidiana una volta terminata. Inutile aggiungere che trattandosi di uno stimolo fisico locale non presenta controindicazioni di carattere ormonale, ossia puo’ essere effettuato anche in donne che presentano una controindicazione assoluta alle terapie ormonali, per esempio le donne che hanno avuto un carcinoma della mammella, o più genericamente a tutte quelle che non vogliono effettuare terapie ormonali, anche se locali, o similari.

Disturbi intimi femminili 3 250Quindi il laser si rivela una grande novità e con un effetto più rapido?
Sicuramente la risposta terapeutica é più immediata, il risultato é soddisfacente e duraturo.
Considerando la relativa breve vita del sistema, questo, per la facilità di esecuzione, la velocità del miglioramento e l’assenza di controindicazioni, sarà lo strumento che nel presente/ futuro verrà più utilizzato dai ginecologi per affrontare questa importante problematica, ad oggi parzialmente misconosciuta, ma che rende la vita delle donne sgradevole.
É importante diffondere una maggiore consapevolezza su quelli che sono sintomi importanti e sottovalutati.

 

Dott ssa Maria Antonietta Dal Gallo

 

Dott.ssa Maria Antonietta Dal Gallo

  • Centro medico Aletheia
    Via Flaminia km 33.700 – Rignano Flaminio ( rm )
    Tel. 0761 507591
  • Centro medico Ninphea
    Via Bevagna 114 – Roma
    Tel. 06 3338099

 

 


Visto su Destinazione Benessere 14

DB14 pagina 36 540

DB14 pagina 37 540

 

Clicca per aprire e scaricare in PDF il Magazine Destinazione Benessere 14 in bassa risoluzione

Clicca per aprire e scaricare in PDF il Magazine Destinazione Benessere 14 in alta risoluzione

Clicca per sfogliare in flash player il Magazine Destinazione Benessere 14

Destinazione Benessere 14 250

GUARDA ANCHE Scopri tutti i numeri del magazine

ENTRA NEL CLUB
Iscriviti e scopri tutti i vantaggi che Ti abbiamo riservato

ABBONATI SUBITO
Il Magazine è anche digitale. Richiedi l’abbonamento gratuito

NEWSLETTER
Ricevi Promozioni, Omaggi riservati, Inviti ad eventi esclusivi

ORGANIZZI UN EVENTO
Utilizza i nostri canali di diffusione per promuoverlo

SEI UN OPERATORE DEL BENESSERE
Ti piace scrivere? Puoi pubblicare i tuoi articoli nella speciale rubrica dedicata “Consigli degli Esperti”

 

Seguici sui social più comuni   facebook like facebook google plus google communities youtube twitter linkedin

Copertine Destinazione Benessere