Seguici anche sui social    facebook like facebook youtube twitter linkedin instagram ico       
Superare le barriere col lavoro da equipe PDF Email Visite: 308
Mercoledì 24 Maggio 2017 12:32

foto Dentista ColettaIntervista al dott. Valerio Coletta

di Samira Solimeno

 

L’allungamento della prospettiva di vita ci espone ad un aumento del rischio di contrarre malattie degenerative ed invalidanti. La disabilità, oggi questo termine ha assunto un significato molto più ampio di un tempo. Si pensi al crescente numero di cliniche che si occupano di assistenza per persone anziane, pazienti affetti da malattie degenerative del sistema nervoso come Alzheimer o Parkinson.

Chiediamo al dott. Valerio Coletta quando un paziente, nel suo campo, è veramente nella condizione di essere considerato disabile.

Ci sono pazienti la cui difficoltà è rappresentata dalla capacità di deambulare, traumatizzati, che presen-tano però una capacità di ragionamento completamente intatta, in alcuni casi anche superiore alla media. Altri pazienti manifestano un grado di fobia, paura per l'ambiente medico, tale da provocargli il rifiuto delle cure anche in condizioni critiche.

 Per questi pazienti quali sono i trattamenti appropriati?

I trattamenti odontoiatrici a cui possiamo sottopor-re i suddetti pazienti, sono gli stessi che possiamo consigliare a qualsiasi altra persona. La disabilità dev'essere gestita non in quanto impossibilita per il paziente ad accedere alle cure di cui ha bisogno bensì un ostacolo possibile da superare.

In che modo è possibile superare queste barriere?

Il primo incontro è fondamentale per la conoscenza del caso, la raccolta delle notizie che riguardano la storia presente e remota del paziente, questa fase prende il nome di anamnesi. Una volta riconosciuta la criticità del caso si elabora in equipe per ricercare la soluzione più efficace ed iniziare il piano di trattamento.

foto Dentista Coletta

Ci può descrivere un caso che le è accaduto durante la sua attività?

Per comprendere meglio il concetto di disabilità che può assumere significato molto ampio vi descrivo una cosa accaduta nella mia pratica clinica; mi sono trovato a dover gestire situazione in cui il paziente che avevo difronte non parlava altra lingua che il dialetto di origine della zona di provenienza. Questo poneva il problema sul piano della comunicazione. La disabilità del paziente era rappresentata dalla difficoltà di esporre i sintomi, la mia quella di poterlo curare.

In quale struttura è possibile trattare un paziente disabile?

La struttura dev'essere attrezzata in base al tipo di paziente, quindi si può parlare di trattamenti ambulatoriali o a studio fino al ricovero in strutture accreditate. Oggi i miei pazienti possono essere seguiti a studio o in strutture convenzionate o private adeguate, assistiti da personale per qualsiasi intervento specializzato. Questo permette di eseguire gli interventi con diversi gradi di analgesia: anestesia locale, sedazione vigile, sedazione endovenosa fino ad arrivare all'anestesia totale.

Perché sottoporsi ad un intervento odontoiatrico?

Il grado di invasività di un intervento odontoiatrico può essere di vario livello. Alcuni soggetti hanno bisogno di un trattamento professionale di mantenimento per l'igiene orale, Altri di trattamenti estetici per migliorare il loro aspetto o renderlo ancora più piacevole. Altri ancora potrebbero avere bisogno del dentista per migliorare il proprio stato di salute orale e di conseguenza migliorare anche il proprio stato di salute generale.

Alcune malattie alcuni farmaci, predispongono il paziente ad avere alterazione delle condizioni della salute orale. Il paziente diabetico, ad esempio, ha un aggravamento della salute gengivale, l'infiammazione gengivale che prende il nome di gengivite, innesca una risposta dell'organismo che altera la capacità da parte dell'organismo stesso di controllare la malattia. Questo circolo vizioso si può interrompere sottoponendosi in modo regolare ad una seduta di igiene professionale. Il risultato sarà il migliore controllo del diabete con minore danno per tutto l'organismo.

________________________________________________________________________ 

foto V.Coletta

Lo specialista:

Dott. Valerio Coletta 
Odontoiatra

Via Flaminia Nuova, 130 ( C/C Valle Sole)
00068 Rignano Flaminio (Roma)
Tel: 0761 507776 - Cell: 339 7283103